Seguimi su:

Chi Sono: visualizza il mio CV

Mi presento brevemente... ho sempre avuto un debole per l'Alimentazione in tutte le sue forme, odori, sapori e colori; ho un background sportivo conosco il sacrificio, cosa significa pianificare degli obiettivi, le "gioie" per averli raggiunti e i "dolori" per averli mancati. La strada spesso è in salita, a volte in discesa, presenta degli ostacoli, cadiamo, ci rialziamo con la consapevolezza di aver sbagliato, analizzando ed elaborando gli errori, troviamo soluzioni, per ripartire con una marcia in più; questo è quello che accade in maniera perfettamente sovrapponibile anche con l'Alimentazione dall'ottimizzazione del propio Stato di Salute fino al miglioramento della Performance Sportiva.
A livello accademico ho assecondato le mia propensione naturale e ho conseguito la Laurea Magistrale in Scienze Biologiche all'Università di Pisa; successivamente ho approfondito in miei studi presso l'Università di Siena frequentando la Scuola di Specializzazione della Facoltà di Medicina e Chirurgia conseguendo il titolo di "Specialista in Scienza dell'Alimentazione".
In breve: "Salve sono la Dr.ssa Milani Francesca, Biologa Nutrizionista, Specialista in Scienza dell'Alimentazione".

Per approfondire la mia conoscenza leggi il mio Curriculum Vitae completo. 
Curriculum

Servizi

Educazione Alimentare
Con un percorso che passa attraverso la...
continua
Elaborazione Piano Alimentare Personalizzato in Condizioni FisioPatologiche
Una scrupolosa anamnesi (raccolta dati che...
continua
Analisi della Composizione Corporea
Metodo con il quale viene valutata la...
continua
Menù per Collettività
Consiste nell'elaborazione di un Menù...
continua

Pubblicazioni

Celiachia e Alimentazione

PREFAZIONE
Dr. Andrea Ghiselli, M.D. (INRAN - Istituto Nazionale Ricerca Alimenti e Nutrizione)

Se qualcuno, prendendo in mano questo libro, pensasse di trovarsi di fronte all’ennesimo libello di ricette regionali, sbaglierebbe di grosso.
La riscoperta dei prodotti del territorio è solo uno degli obiettivi di quest’opera e anzi il mezzo per comprendere che anche chi soffre di grandi limitazioni gastronomiche, come un celiaco, può sedersi al banchetto della tradizione, della salute e, soprattutto, del piacere...............

…................Ebbene, è piacevole notare che molti dei piatti tradizionali sono già naturalmente privi di glutine e quindi fruibili anche da pazienti affetti da celiachia: risotti, farinate, polenta e matuffi, necci ecc. Ma per quei piatti che la tradizione ha sviluppato con cereali come grano e farro, nei quali il glutine è ben presente, gli autori insegnano ad apportare le modifiche, necessarie per la salute, senza perdere d’occhio il gusto e la gratificazione sensoriale che dobbiamo tenere sempre presenti......................

….................Il celiaco più di altri dovrà stare attento a ciò che mette in bocca, ma per nulla al mondo dovrà rinunciare a gusto e tradizione poiché sono due elementi imprescindibili per il benessere e per la salute. Un’alimentazione senza gratificazione, infatti, fallisce l’obiettivo fondamentale per cui l’uomo mangia: la soddisfazione del piacere.